XXVII CIRCOLO DIDATTICO BARI PALESE

Postato da il Mar 31, 2012 in Dicono di me | 0 commenti

Clap! Clap! Clap!
I bambini  applaudirono quando Giuseppe Bordi entrò nell’auditorium.
Finalmente quel giorno era arrivato, centocinquanta bambini volevano vedere l’autore de “Gli Acchiappa Guai”, il libro che aveva fatto appassionare tutti!
Lo scrittore era robusto, alto e riccioluto, era spiritoso, infatti  faceva ridere a più non posso.
Da ragazzo prendeva cinque in Italiano (anche a noi qualche volta succede!), ma non si scoraggiava mai, inseguì il suo sogno che alla fine si è avverato!
Era dall’età di cinque anni che voleva fare lo scrittore, ora ne ha quarantadue ed è uno dei più famosi scrittori italiani.
Ha scritto tanti libri: otto volumi de “Gli Acchiappa Guai” e il suo libro preferito  “Puzzolo e la discarica abusiva” dedicato a suo padre che faceva lo spazzino.
E ora un po’ di cucina!
Bordi  ha insegnato ai bambini che per scrivere un bel testo gli ingredienti sono: grammatica, logica e fantasia. Ed ecco il testo è pronto!
A Giuseppe hanno rivolto tante domande, ecco quella che gli è piaciuta di più:
– Noi bambini quando abbiamo un problema lo riferiamo ai genitori, perché Kenia, Zimbo e Pierre non lo fanno?
L’autore  ha risposto che i personaggi sono ragazzini avventurosi ed hanno voluto risolvere il caso da soli, ma  nella realtà  tutti i bambini devono sempre rivolgersi agli adulti se si trovano in difficoltà.
Dopo l’autografo con dedica è arrivata l’ora dei saluti.

Mariantonietta

 

Questo è solo uno dei tanti splendidi commenti dei bimbi di otto anni della scuola Marco Polo. Sul loro blog ne troverete altri:

http://giocattolidiparole.blogspot.it/2012/03/incontro-dautore-lo-scrittore-giuseppe.html

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *